A San Paolo incontro su riforma e nuove esigenze migranti

Di Rosinha Martins
Da Aparecida -SP

La crescente mobilità di esseri umani in tutto il mondo ha portato i missionari scalabriniani a un radicale atteggiamento di riforma all’interno dell’Ordine per soddisfare meglio le esigenze di migrazione e rifugio. Le modifiche entreranno in vigore a dicembre di quest’anno.​ Per continuare questo processo, le Suore Scalabriniane della Provincia di San Paolo si sono incontrate al Centro Professionale di São Carlos, nella città di Aparecida-SP. L’evento è iniziato nel pomeriggio di questo sabato 10 ed è terminato il 12.

Secondo un rapporto presentato dal responsabile della missione della Provincia di San Paolo, la sorella Janet Ferreira (dati dell’Organizzazione internazionale per le migrazioni), il Sud America contiene circa 5.826.400 immigrati qui per ragioni geografiche, ambientali, politiche e dettate dalla crisi economica globale.​ I dati rivelano anche una femminilizzazione delle migrazioni, dal momento che il 50,9% di questi sfollati sono donne, seguito dal 17,7% dei giovani sotto i 20 anni e dal 16,5% di quelli con più di 65 anni.

I paesi latinoamericani che hanno ricevuto il maggior numero di migranti sono l’Argentina con 2 milioni, il Venezuela, 1,4 milioni e il Brasile con 713 mila emigranti. Questi vengono da Haiti, Cuba, Venezuela, Ecuador, paesi africani (Senegal, Congo, Angola, Mozambico, Nigeria, tra gli altri), Asia meridionale e Sud-Est (Bangladesh, Pakistan, Filippine, India, Nepal) e da Asia e Medio Oriente (Siria).​ Questi flussi migratori tendono ad una crescita senza precedenti nella storia. La Congregazione si affretta per riorganizzare in tutte le sue dimensioni (pastorale, formazione, apostolato e di amministrazione), al fine di affrontare le sfide che questa realtà propone.

Ma entrare in un processo di riforma di un Ordine di Storia di 120 anni richiede molta apertura da parte dei membri, una passione significativa per la missione, perché presuppone cambiamenti strutturali.​ A questo riguardo, suor Sandra Maria Pinheiro, superiora provinciale della Provincia di San Paolo, ha sottolineato che la riorganizzazione della Congregazione dovrebbe essere intrapresa come un movimento di rinnovamento spirituale piuttosto che amministrativo, con un atteggiamento di disponibilità, una disposizione del cuore per la ricerca della volontà di Dio e, ripensando alle strutture in vista della missione.

Sempre secondo Pinheiro, questo processo di riorganizzazione richiede che ciascuno abbia “un aspetto da giraffa”. La giraffa con il suo collo grande può alzare lo sguardo e aprirsi agli orizzonti. “Abbiamo bisogno di uno sguardo che non esaurisca il nostro piccolo mondo di paure e bisogni personali”, ha detto.

Per suor Sandra, la riorganizzazione “è un’opportunità per reinventare la Vita Religiosa Consacrata per i nostri tempi, e così recuperare il suo carattere profetico di annuncio perché vogliamo servire di più e meglio per i migranti e​ ​i rifugiati​”. Anche ​le​ consiglier​e​ per la formazione e l’amministrazione, suor Neuza Botelho dos Santos e suor Ana Conceição Sales, ha​nno​ presentato la strada fatta finora, in queste aree, verso la riorganizzazione.

Presenti in 27 paesi, le missionarie scalabriniane intendono ridurre il numero delle province, unificare gli sforzi in tutti i settori per rendere più efficace la presenza laddove i flussi migratori sono maggiori.​ In questi giorni sono soddisfatte le Suore appartenenti alla Provincia di Aparecida, con sede a San Paolo, che dalle tre province esistenti in Brasile si fonderanno in un unico dal dicembre 2018.

Fonte: Stampa Scalabriniana