Migranti, suore scalabriniane si incontrano a Chicago su nuove sfide globali

Guardare al mondo per affrontare, in modo globale, il fenomeno della migrazione. Sempre, però, con la chiarezza del messaggio cristiano dettato dal Vangelo. Questi i principi che hanno visto le suore missionarie scalabriniane (che in quattro continenti si occupano dell’assistenza ai migranti) incontrarsi a Chicago. Lì la Superiora generale, suor Neusa de Fatima Mariano, ha avuto modo di incontrare i diversi Consigli provinciali per cercare di affrontare la questione migratoria alla luce di una modifica dell’organizzazione della congregazione proprio per venire incontro alle mutate esigenze dei fenomeni della mobilità umana. I lavori di Chicago sono propedeutici al XIV Capitolo generale che si terrà il prossimo anno, dal 21 ottobre al 17 novembre 2019. Dagli Usa, dunque, si è progettato un nuovo percorso fatto anche di scelte che le vedono in prima fila lì dove avvengono gli scenari di crisi. “E’ provvidenziale che ci siamo incontrate qui, in questo Paese di destinazione di tanti migranti, per valutare il processo di riorganizzazione e condividere la ricchezza della vita presente nella Congregazione”, ha detto Sr. Marissônia Daltoé, Superiora della Provincia Nostra Signora di Fátima. “Tutta la storia dell’umanità è guidata dalla Santissima Trinità”, ha sottolineato Sr. Neusa de Fátima Mariano, Superiora generale, che ha focalizzato la sua attenzione proprio sul messaggio cristiano. Sr. Milva Caro, Superiora della Provincia San Giuseppe, ha affrontato la questione della centralità di Gesù Cristo, nella crescita delle relazioni fraterne e della cultura vocazionale, in vista di una maggiore disponibilità e ​attività itinerante  missionaria proprio nel servizio ai migranti. I primi giorni di incontro sono stati segnati dalla condivisione del percorso svolto nel processo di riorganizzazione delle regioni: Nord America, Europa, Asia e Sud America e Africa, evidenziando attività programmate e realizzate, individuando gli aspetti che meritano attenzione per intravedere nuove prospettive e priorità. Suor Jucelia Dall Bello e suor Ana Conceição Sales hanno parlato del tema della Gestione dei beni alla luce della riorganizzazione e del carisma scalabriniano e hanno affermato che la sfida della Vita religiosa consacrata, nell’attuale scenario economico, è quella di sviluppare competenze gestionali in sintonia con i valori profetici che danno entusiasmo, sostegno e vitalità all’istituzione.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *