Bassetti legge antico testo babilonese per interpretare ruolo giovani

Legge un antico testo babilonese di tremila anni fa commentando un sondaggio sui giovani e la religiosità. Così, il cardinale Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, dice: “‘Questa gioventù è guasta fino al midollo; è cattiva, irreligiosa e pigra. Non sarà mai come la gioventù di una volta. Non riuscirà a conservare la nostra cultura’: sapete dove si legge questa frase? Su un frammento di argilla babilonese di tremila anni fa. Il mondo è cambiato tanto ma è rimasto lo stesso”. Così, Bassetti commenta: “Il mondo giovanile è caratterizzato da soggettivismo, non da incredulità”, perché “i ragazzi ci chiedono di essere riconosciuti” e per questo “bisogna riuscire a coinvolgerli di più dialogando, che è quello che sta facendo Papa Francesco”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *