Caporalato, Conte: Dietro morti non c’è dignità

“Dietro queste morti non c’è dignità, c’era un lavoro sfruttato e non c’era dignità. Dobbiamo fare in modo che questo non accada”. E’ quanto ha detto il presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte a margine di un incontro in prefettura, a Foggia, dopo gli incidenti che hanno coinvolto alcuni migranti che, nella Capitanata, sono vittime del caporalato per la raccolta dei pomodori. Spiega Conte come sia necessario “incentivare gli imprenditori con meccanismi incentivanti per portarli a rinunciare a un pezzo di lucro per favorire condizioni di lavoro nel rispetto della dignità dei lavoratori”.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *