Natale, occasione per riflessione su rifugiati e migranti

“Il Natale quest’anno, in particolare, ci chiama a riflettere sulla situazione di tanti uomini, donne e bambini del nostro tempo, migranti, profughi e rifugiati,in marcia per fuggire dalle guerre, dalle miserie causate da ingiustizie sociali e dai cambiamenti climatici. Per lasciare tutto, casa, parenti, patria, e affrontare l’ignoto, bisogna avere patito una situazione molto pesante!”. Lo ha detto Papa Francesco agli artisti che partecipano al Concerto di Natale in Vaticano. “Quando l’ira violenta di Erode si abbatte’ sul territorio di Betlemme, la Santa Famiglia di Nazareth visse l’angoscia della persecuzione e, guidata da Dio, si rifugio’ in Egitto. Il piccolo Gesu’ ci ricorda cosi’ che la meta’ dei profughi di oggi, nel mondo, sono bambini, incolpevoli vittime delle ingiustizie umane”, ha aggiunto.