Papa ricorda Lampedusa: E’ Cristo che bussa alla nostra porta

“L’incontro con l’altro è anche incontro con Cristo. Ce l’ha detto Lui stesso. È Lui che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito, chiedendo di poter sbarcare”. Lo ha detto Papa Francesco, nel corso della sua nella cappella di Santa Marta, dove ha ricordato il settimo anniversario della sua visita a Lampedusa. “Penso alla Libia, ai campi di detenzione, agli abusi e alle violenze di cui sono vittime i migranti, ai viaggi della speranza, ai salvataggi e ai respingimenti” aggiunge.