la presentazione del progetto di riorganizzazione

21-22

Guidata dalla Superiora Generale, sr. Neusa de Fátima Mariano e dal Consiglio, dalle Suore  della commissione della riorganizzazione congregazionale, (Le Suore: Lice Maria Signor, Rosita Milesi, Lucia Boniatti, Marlene Wildner) e consigliate da sr. Micheline Tramblay, i giorni 21 e 22 novembre sono stati dedicati allo studio, all’approfondimento e al  dibattito con suggerimenti supplementari per il progetto di riorganizzazione congregazionale, costruita dalla decisione capitolare. In un primo momento, sr.  Neusa ha presentato una retrospettiva del cammino fatto in costruzione della riorganizzazione proposta che comprendeva la ricerca della consulenza di esperti, la composizione di un’organizzazione di squadra, incontri e riunioni con i governi provinciali e la sistematizzazione delle prime risposte alla consultazione apportate alle sorelle della Congregazione, attraverso strumenti propri nel 2014, la preparazione e la presentazione del progetto di riorganizzazione attraverso incontri regionali.

michelinHa seguito questo momento della presentazione uno studio demografico della congregazione attuale e per i prossimi 25 anni. Questo studio è stato condotto e presentato da sr. Daphne Alphonso. Anche se l’Istituto può subire una riduzione del numero dei membri nei prossimi due decenni, i numeri indicano che l’equilibrio è ancora molto positivo, consentendo alla Congregazione di mantenere la sua missione carismatica. Il blocco successivo sono stati presentati all’Assemblea i risultati della consultazione fatta alle sorelle nelle riunioni regionali, provinciali e interprovinciali.

Lo studio della proposta nel corso dei due giorni è stata concertata con il lavoro di gruppo e con il coinvolgimento diretto delle partecipanti attraverso un dialogo aperto mediato dal consulente. Questo processo ha permesso la rimozione dei punti sensibili della proposta di riorganizzazione che aiuterà a prendere le decisioni circa l’attuazione di misure che saranno definite dal Governo Generale e Provinciale nell’Assemblea dei Superiori Maggiori, il 26, 27 e 28 novembre.

L’intero processo è stato caratterizzato da forti momenti di spiritualità: Messa, Liturgia delle Ore e la preghiera Mariana. Per tutto questo, rendiamo grazie a Dio.