Migranti, al via a Jundiaì corsi formazione permanente scalabriniane

formazione

Sono partiti all’istituto San Carlo, a Jundiaì, in Brasile, due nuovi percorsi di formazione permanente delle suore missionarie scalabriniane. Si tratta di due appuntamenti (di due settimane ciascuno) che hanno come tema “Reincantarsi per Gesù Cristo e rafforzare la gratitudine a Dio per la fiducia posta in noi”.

“L’obiettivo – spiega suor Etra Modica, coordinatrice degli appuntamenti – E’ quello di rafforzare la gioia del dono di sé nella preghiera e nel servizio ai migranti, per fortificare l’identità religiosa missionaria scalabriniana”. La Congregazione delle suore missionarie di San Carlo Borromeo, è impegnata sin dalla sua fondazione proprio per l’assistenza ai migranti. In questi appuntamenti – che coinvolgeranno direttamente le sorelle – ci sarà un confronto sulla parola di Dio e sul pensiero di Giovanni Battista Scalabrini, Madre Assunta e Padre Giuseppe Marchetti, fondatore e cofondatori della Congregazione stessa. Gli scalabriniani sono particolarmente legati al ruolo del Brasile, lì dove approdavano gli italiani tra Ottocento e primi del Novecento e che oggi risente di peculiari criticità legate alla migrazione.